3 nov 2014

COME si FA: elogio della "SCUCiTURA"

Scucire non è una perdita di tempo e nemmeno qualcosa di cui vergognarsi.
Capita. Dobbiamo metterlo in conto, perché quando si lavora, si sbaglia.    
So per esperienza che da principianti non si vorrebbe scucire mai, 
però, bisogna sforzarsi di vincere la pigrizia, perché 
"rifare" vuol dire imparare 
e sarà sempre più gratificante e costruttivo un risultato che ci soddisfa fino in fondo.



Se ci organizziamo con gli accessori giusti, scucire non sarà poi così antipatico.
C'è un piccolo arnese, che ci aiuta parecchiolo scucitore 
o scucitrice o taglia asole (io lo chiamo scucirino).
Si trova anche al mercato per pochi euro.
Ha una lunga punta sottile, per catturare anche i punti più nascosti,
una lama per tagliare il filo e
un cappuccio di protezione che si infila sulla parte opposta alla punta.
Alcuni modelli hanno anche una pallina che protegge il tessuto dalla lama.



Si infila la punta sottile dello scucitore nel punto da scucire,
e con una leggera spinta in avanti, la lama taglierà il filo.

Se è possibile, sarà meglio fare l'operazione sul rovescio del lavoro.
Quando la cucitura da eliminare è piuttosto lunga, io taglio prima qualche punto 
a distanza più o meno regolare e poi lo sfilo.



La parte più difficile è sempre quella dove è stata fatta l'affrancatura
bisogna andare molto cauti per "agganciare" i punti da eliminare e non fare strappi.
In genere, io "apro" il tessuto e lavoro molto sulla parte interna della cucitura,
dove, tirando un po' i due lembi di tessuto, è più facile vedere i punti.


Altri accessori utili, per scucire con facilità, sono: 
piccole forbici con la punta sottile, spilli, spille e aghi.


Non dimentichiamo che possiamo scucire e riciclare quasi sempre bottoni e zip,
anche in questi casi, lo scucitore ci aiuterà parecchio.

Detto questo, imparare a scucire, non dovrebbe avere l'obiettivo 
di arrivare al risultato perfetto, 
(nel fatto a mano non so nemmeno se ha poi tanto senso).
È un'opportunità di esercitarsi con una nuova tecnica
e di verificare che possiamo farcela anche noi, 
magari solo provandoci un'altra volta!

--- F - S - P ---


--- Condivido foto e testi solo per uso personale  ---
--- For personal use only ---

18 commenti:

  1. Ciao Pia, questo è un post super-utile per tutti quanti si accostano al cucito: quante volte mi è capitato di disfare e rifare... ma come giustamente scrivi tu è proprio sbagliando e riprovando che si impara!!
    Buona settimana
    Carmen

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ne sono proprio convinta anch'io e credo che, presa per il verso giusto, la scucitura sia proprio una buona maestra. A me ha insegnato e insegna tantissimo.
      Grazie Carmen, buona settimana anche a te!

      Elimina
  2. credo di averlo consumato il mio scucitore .... è vero sono diventata matta per scucire una cerniera da usare in un recupero.......potevo mica pensarci???? hai ragione peròanche a me non piace fare le cose ... pressapoco bene specie qualcosa di cucito ... bacioni ... giusi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anch'io non amo il "pressapochismo" e credo che sia importante cercare di fare sempre del nostro meglio. Non trovo utile, invece, inseguire un modello di perfezione che poi, magari, nemmeno ci appartiene.
      Bacioni a te, grazie giusi_g!

      Elimina
  3. Grande amico lo scucitore... tra l'altro ricordo di averlo visto in una puntata di Desperate housewives... buona serata. Sonia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma dai, mi ha incuriosita questa tua citazione!
      Buona settimana a te, grazie Sonia!

      Elimina
  4. Hai sollevato un argomento importantissimo, Pia! Il coraggio di disfare e rifare che va trovato quando il nostro lavoro non ci soddisfa pienamente...o é proprio sbagliato (quante volte ho cucito dritto su rovescio, anziché su dritto? grrrrrr). E la cosa va distinta dalla ricerca di una perfezione che non esiste. Non é sempre facile, almeno per me...ma lo scucirino é un attrezzino simpatico e un grande alleato, vale la pena imparare a usarlo! grazie :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A chi lo dici! Verissima la cosa di cucire diritto su rovescio, è capitato spesso anche a me! Ed è anche vero che non è facile accettare l'idea di scucire. Come vincere la rabbia e la pigrizia? Pensando che sono cose che succedono a tutti e che fanno parte del lavoro. Cucire ci insegna anche ad allenare la nostra pazienza. Grazie a te Sara!

      Elimina
  5. Condivido pienamente il tuo pensiero, imparare dai propri errori è fondamentale, cucire, scucire, cucire.
    Lo condivido su pinterest, se hai qualcosa in contrario, scrivimi email e lo toglierò subito.
    Ciaoooo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È proprio così! Cucire, scucire e poi cucire ancora! E non arrendersi...e non rinunciare a fare del nostro meglio. Grazie Marilù, ciaoooo!
      (Non ho niente in contrario alla condivisione su Pinterest, lo uso anch'io!).

      Elimina
  6. cara Pia anche la mia mamma diceva che scucire non era tempo perso, ma un modo per rifare meglio un lavoro o per recuperare del materiale per dargli nuova vita....quando leggo i tuoi post mi sembra di tornare bambina e risento la voce di mia madre che mi spiega come fare....
    Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che bella questa tua emozione che hai espresso così bene, mi ha fatto molto piacere!
      Grazie a te Andreina!

      Elimina
  7. Non è simpatico scucire ma quando si sbaglia bisogna farlo e così s'impara, con un po di fatica ma, tanta soddisfazione. Grazie per tutti questi insegnamenti. Ciaoooooo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È vero, non è simpatico scucire e richiede tempo e fatica in più, però restituisce anche più soddisfazione e fiducia nelle proprie capacità.
      Ciaooo Marta e grazie a te!

      Elimina
  8. sono molto, ma molto più brava a scucire che a cucire.....forse perchè è così che mi sono fatta la scorta di cerniere, tasche e cinture dei jeans :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco, questa della scorta mi sembra un'altra validissima motivazione per scucire! Mai dimenticare le tasche!
      Grazie Daniela!

      Elimina
  9. un post ben scritto e utile per chi nn sa districarsi perfettamente con il cucito...brava.glo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Forse...sapere che sbagliamo tutti e che tutti cerchiamo di rimediare ai nostri errori, può aiutare a non scoraggiarsi. Almeno...spero, almeno per il cucito :)
      Grazie glo!

      Elimina

Vuoi lasciare un commento e non sei registrata/o?
1. Scrivi il tuo commento.
2. Scegli ANONIMO dal menù a tendina.
3. Clicca su PUBBLICA.
FATTO! GRAZIE MILLE!
(Il tuo commento sarà visibile al più presto, dopo la mia lettura).