1 feb 2017

COME si FA: gli angoli esterni alla giapponese


Per me sono gli angoli alla giapponese, perché li ho visti per la prima volta sui siti giapponesi, quando da noi erano ancora poco usati. Sono una valida alternativa al finto soffietto per dare volume alla base di cestini, astucci, borse e hanno la caratteristica di vedersi all'esterno. Possono finire sui fianchi, vedi borsa blu e mini astuccio in fantasia marrone, oppure sul fondo, come nel caso della borsa a pois multicolori o del cestino di jeans che vi faccio vedere oggi.
Se vi piacciono, vi mostro come realizzarli passo passo.


1. Il procedimento è sempre lo stesso, sia che si tratti di un cestino (come nel mio caso), di un astuccio o di una borsa, cambiano solo le proporzioni delle pieghe. Io ho una gamba di jeans, messa a rovescio e preparata come ho spiegato qui (passi 1 e 2) e devo chiudere il fondo creando appunto questi angoli esterni. Per prima cosa devo segnare il centro del fondo con qualche punto a mano (vedi freccia gialla).
2. Ho puntato uno spillo dove si forma la piega del fianco destro (vedi seconda freccia gialla). Se i fianchi sono stati cuciti, sarà più semplice, perché è il punto dove cade la cucitura.


3. Ho appiattito il punto dove si forma la piega del fianco destro (o la cucitura) per portarla a contatto con il centro del fondo (vedi foto)
4. Ho chiuso la piega formando due alette.
5. Ho fissato le pieghe con uno spillo a circa due centimetri dai margini.
Facciamo attenzione ai margini, che devono essere tutti presi dentro le pieghe.


6. Ho ripetuto la stessa operazione di schiacciamento del fianco verso il centro, anche sul lato sinistro, sempre fissando con uno spillo, per tenere in posizione tutti gli strati di tessuto e le pieghe. Guardando da sopra, le pieghe appariranno come nella foto di destra.


7. Con una cucitura diritta vado a chiudere il fondo che ora si presenterà come si vede nelle due foto sopra. Prima di rifinire i margini a punto zig zag, mettiamo velocemente il lavoro a diritto per verificare se gli angoli sono venuti bene, in caso contrario, vi dico subito cosa fare.


Messo il lavoro a diritto, gli angoli rimangono all'esterno, piegati verso il centro e sul fondo del cestino. Se notiamo un'apertura (di solito succede al centro), vuol dire che ci è sfuggito un margine e dobbiamo rimettere a rovescio per ripetere la cucitura del passo 7, un centimetro almeno sotto la prima. 
Se gli angoli non sono uguali, non combaciano al centro o si formano in modo incompleto, vuol dire che non siamo stati precisi con le misure e le pieghe dei punti 3, 4 e 5. Meglio scucire e rifare dal passo 1 (è sempre un buon modo per fare esperienza). 
Cucire vuol dire anche fare esercizio di pazienza e non aspettarsi di avere risultati perfetti ai primi tentativi!  


Volendo creare gli stessi angoli sul fondo di una borsa, cambieranno le proporzioni e quindi, arrivati ai passi 3, 4 e 5, le pieghe non andranno a coincidere con il centro del fondo (che non avremo bisogno di segnare con i punti a mano) ma saranno profonde solo qualche centimetro (vedi foto). Decideremo la misura delle pieghe in base alla larghezza del fondo e alla profondità che vogliamo dare alla borsa. La guida per questa borsa cliccando qui.


Se, invece, vogliamo che gli angoli vadano a fissarsi sui fianchi e non sul fondo, sempre di una borsa (o un astuccio), dovremo fare lo stesso tipo di piega proprio sul fondo, come si vede nel collage. In questo caso, i fianchi saranno aperti, ancora da cucire e il fondo sarà chiuso da una cucitura o dalla piega del tessuto (vedi foto). 
Dopo aver fissato le pieghe con gli spilli, finiremo con due cuciture sui fianchi.
La guida di questa borsa, realizzata riciclando un ombrello, cliccando qui.

Certo che questi angoli ricordano proprio gli origami, non potevano che essere giapponesi!



Condivido foto e testi solo per uso personale.
For personal use only.

15 commenti:

  1. molto utile questo post per me che ho poca dimestichezza e pazienza per cucire ... eppure l'avrò vinta prima o poi .... belli quegli angoli giapponesi ... buona giornata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non credo proprio che ti manchi la pazienza Giusi, fai dei lavori incredibili! Buona giornata a te!

      Elimina
  2. Prezioso e chiarissimo tutorial. Angoli ben fatti sia volti all'interno che all'esterno. Grazie Pia.
    Ciao
    Gio

    RispondiElimina
  3. sempre precise e interessanti le tue spiegazioni.....bravissima

    RispondiElimina
  4. Meno małe che to conosco cara Pia!!! E molto, moltossimo utile questo posto!!!! Adesso ancora sto imparando la borsa, ma quasi, quasi è perfetta:)))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bene Annarella! Se questo mio post ti è stato utile sono molto contenta e ti ringrazio per avermelo fatto sapere!

      Elimina
  5. Belli gli angoli giapponesi, e un tutorial utilissimo. Volevo provare a naso :D ma con le tue indicazioni dovrei riuscire a farli a regola d'arte.
    Grazie.
    Ciao
    Marina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te Marina! Spero di essere stata abbastanza chiara. Buon lavoro e fammi sapere!

      Elimina
  6. Bello l'effetto, io sono abituata a cucire i triangoli alla base ma così è più decorativo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero? Anch'io trovo che siano molto decorativi e visto che da noi non sono molto usati, spero che questa mia guida possa contribuire a farli conoscere, perché secondo me ne vale la pena. Grazie Carmen!

      Elimina
  7. È vero, cucire vuol dire avere pazienza ma le fatiche poi sono ricompensate con meraviglie come questi angoli giapponesi! Li trovo stupendi, e grazie per il post dettagliato!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti Eli, la pazienza viene ricompensata dai risultati che prima o poi arrivano per forza quando ci mettiamo impegno e passione. Grazie a te!

      Elimina
  8. Molto interessante come finitura per qualcosa che deve rimanere rigido e poi è anche diversa...
    grazie!
    buona giornata
    sabrina

    RispondiElimina

Vuoi lasciare un commento e non sei registrata/o?
1. Scrivi il tuo commento.
2. Scegli ANONIMO dal menù a tendina.
3. Clicca su PUBBLICA.
FATTO! GRAZIE MILLE!
(Il tuo commento sarà visibile al più presto, dopo la mia lettura).